Salta al contenuto principale

Trekking

Possibilità per tutti di visitare le vette più alte o le mete turistiche più apprezzate.

Rilassamento e sport in montagna


Kamnik presenta sentieri montani variegati adatti a diverse forme fisiche. Quello lungo il corso della Kamniška Bistrica porta a Domžale, mentre le passeggiate tra i fiori dell’Arboretum di Volčji Potok sono rilassanti. Chi preferisce l’aria di montagna può optare per tracciati più impegnativi, dalla valle della Kamniška Bistrica verso Velika planina o dalla valle di Tuhinje verso Menina planina..

Passo montano di Kamnik

Se è vero che ogni Sloveno deve salire almeno una volta sul Tricorno, allora ogni cittadino di Kamnik deve andare sul passo montano locale. È una meta apprezzata, con la baita che per molti è la destinazione finale. Per gli alpinisti più esperti, invece, è il punto intermedio verso Brane o Planjava.

La strada per il passo di Kokra. È il secondo tra i passi delle Alpi di Kamnik e della Savinja che vanta una baita montana. Anche qui il punto di partenza è la sorgente della Kamniška Bistrica. Il sentiero è inizialmente piano, ma poi inizia a salire. Il passaggio della zona rocciosa è possibile con l’utilizzo del cavo fisso sulla parete, per cui questo tratto è adatto a scalatori esperti. Ogni sforzo viene comunque ripagato dalla panoramica sulle cime vicine. Consigliamo in particolar modo di ammirare il Grintovec, maggiore tra le cime di quest’area alpina.

Grintovec

È la più alta delle cime delle Alpi di Kamnik e della Savinja con 2.558m. Meta degli alpinisti per l’accesso semplice che non richiede l'uso dei cunei. Il versante meridionale è detto Streha (tetto in slov.) per la sua forma, per cui la zona è chiamata Tetto delle Alpi di Kamnik e della Savinja.

San Primož sopra Kamnik. La vista che attende gli alpinisti sulla cima abbraccia tutta la conca di Lubiana. Il percorso inizia in modo ripido ma ben presto si divide dalla strada asfaltata e diviene meno inclinato e adatto per camminare. Il punto di partenza è presso l’impresa Calcit, mentre l’arrivo è alla chiesa di San Primož e Felicijan, visibile anche dalla valle. Poco più in alto si trova pure la chiesa di san Pietro. Sulla vetta è anche possibile rifocillarsi presso la sagrestia. Ogni anno si tiene anche la gara, durante la quale i partecipanti si misurano su chi riesce a percorrere il sentiero più volte nell’arco di 24 ore.